Approfondimenti, News

In Francia è rosé un terzo del vino consumato… e in Italia?

Cresce l’interesse sui mercati internazionali per i vini rosati; leader dei consumi è la Francia, dove è rosé un terzo delle bottiglie stappate.Rosé-bianco-rosso-300x200

Su Rosé Wine Blog, il blog di Franco Ziliani dedicato a questa tipologia di vini, un’analisi interessante sull’evoluzione dei gusti dei consumatori d’oltralpe e una provocazione sulla possibilità che anche l’Italia possa prendere la stessa direzione.

Con il permesso dell’autore, pubblichiamo l’articolo integralmente. Per chi vuole provare, su Top Italian Wine una selezione delle migliori etichette di Franciacorta rosé.

In Francia è rosé un terzo del vino consumato

Negli ultimi cinque anni il consumo è cresciuto quasi del 10%

Domanda innocente: si può sognare che tra qualche anno una notizia del genere possa riguardare l’Italia e non, come accade in realtà, la Francia?

Sognare non costa niente e quindi perché non augurarsi che nel giro di tre-cinque anni anche nel nostro Paese le statistiche dei consumi dei vini rosati possano attestare che un terzo è loro appannaggio? In Francia, come racconta un recente articolo del Figaro, il rosé rappresenta con 2,5 milioni di ettolitri un terzo dei volumi consumati, mentre il 50% riguarda i vini rossi ed il 16% i vini bianchi. Agrimer, l’Istituto di statistiche riguardanti i prodotti dell’agricoltura e del mare ha attestato che negli ultimi cinque anni il consumo di rosati in Francia è cresciuto del 9,6%, a fronte di un calo del 6% del consumo di vini rossi.

Anche il volume d’affare dei rosati è quello che ha conosciuto il maggiore aumento nell’ultimo quinquennio, con un sonante + 20,4% e secondo i dati dei primi dei mesi del 2015 si avvicina, con 900 milioni di euro, al miliardo. Nello stesso periodo il volume d’affare dei rossi è cresciuto del 5,1% toccando quota 1,7 miliardi di euro e anche quello dei bianchi è cresciuto notevolmente, del 9,6%.

Secondo i dati più recenti elaborati dall’Observatoire des vins rosés (ma esiste anche uno studio dell’OIV ancora più aggiornato) l’attuale performance dei rosati francesi non è casuale, perché la Francia è leader tra i Paesi consumatori di rosé, (seguita da Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Russia, Belgio, Paesi Bassi, Uruguay), è il primo Paese produttore davanti ad Italia, Spagna, Stati Uniti e addirittura detiene una quota importante, il 22%, nell’importazione di rosati, superiore a Regno Unito, Germania, Stati Uniti, Belgio, Paesi Bassi, Russia e Svizzera.

 Franco Ziliani

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>