News

Per i filatelisti wine lover in vendita la quarta serie di francobolli sui vini docg

Sono in vendita dal 10 ottobre presso gli sportelli delle Poste Italiane i 15 nuovi francobolli appartenenti alla serie tematica “Le eccellenze del sistema produttivo ed economico” dedicati alle eccellenze enogastronomiche italiane – il Vino DOCG.

Tra i grandi vini docg, quest’anno ce ne sono due probabilmente poco noti al pubblico: il Recioto della Valpolicella e l’Aleatico dell’Elba, due chicche dell’enologia italiana che Top Italian Wine ha scelto di valorizzare e mettere in vendita nella sua sezione Passito e dintorni.

francobolli docg

Si tratta di due vini dalla grande tradizione, il primo precursore dell’Amarone (quando il Recioto per sbaglio rifermentava diventava quasi secco veniva chiamato “Recioto scapà”, cioè “scappato” e non essendo più dolce, anzi amaro, veniva chiamato “armaron” da qui amarone), il secondo subito amato da Napoleone Bonaparte quando arrivò per il suo esilio volontario sull’isola d’Elba.

La lista completa vede, oltre all’Aleatico dell’Elba e al Recioto della Valpolicella l’Asti, il Friularo di Bagnoli, il Castel del Monte Rosso Riserva, il Chianti Classico, l’Asolo Prosecco Superiore, il Dolcetto di Diano D’Alba, il Fiano di Avellino, il Gavi, il Ghemme, il Lison, l’Ovada, il Valtellina Superiore e il Verdicchio di Matelica Riserva.

Dopo le 3 precedenti serie, emesse a partire dal 2012, ne manca ancora solo una per completare l’elenco dei 74 vini a denominazione di origine controllata e garantita italiani.

Nel 2014 tra le docg celebrate c’era, in rappresentanza dei vini passiti, il Recioto di Soave, nel 2013 era stato il Ramandolo a tenere alto il vessillo, mentre nel 2012 il Moscato di Scanzo era stato il primo ad essere scelto.

I francobolli, stampati dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in unico foglio, con stesso stile e composizione dei precedenti (un grappolo d’uva su paesaggio del territorio di produzione di ciascun vino), in formato adesivo, sono stati tirati in 400.000 copie.

Il valore di ogni francobollo è di 95 centesimi, pari alla tariffa di una lettera ordinaria. Quello della prima serie, emessa nel 2012, era di 60 centesimi, mentre nel 2013 ogni francobollo ne valeva 70 e nel 2014 un ulteriore aumento aveva portato il valore a 80 centesimi.

Per i filatelisti appassionati di vino, ma anche solo per i wine lover, su Top Italian Wine in vendita alcune delle migliori etichette di vini passiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>