Cantine

Capezzana Conte Contini Buonacossi

La Tenuta di Capezzana proprietà della famiglia dei conti Contini Bonacossi è l’azienda simbolo della zona di Carmignano (Prato) che dà nome all’omonima denominazione, Doc dal 1969, e diventata Docg nel 1988, che riprende una tradizione viticola che risale all’epoca preromana, circa 3000 anni fa.
capezzana conti contini buonacossi

Capezzana è situata al confine nord del Comune di Carmignano, su uno dei contrafforti che si staccano dal Montalbano, ed è vicina al piede dell’Alto Appennino Tosco-Emiliano, da cui dista non più di 10 km in linea d’aria.

Nell’archivio di stato di Firenze è stata ritrovata una pergamena datata 804: si tratta di un contratto di affitto che documenta come già 1200 anni fa a Capezzana venissero coltivati olivi e viti per la produzione dell’olio e del vino. I Contini Bonacossi sono proprietari della Tenuta, già proprietà delle famiglie patrizie dei Bourbon del Monte, degli Adimari Morelli, dei Franchetti Rothschild e dei de Rothschild, dal 1920.

La grande impronta dell’attuale personalità dell’azienda venne data negli anni Venti del Novecento da Alessandro Contini Bonacossi, che acquistò la proprietà di Capezzana, poi ampliata con l’acquisto dal marchese Aman Niccolini, di due fattorie confinanti, “Il Poggetto” e “Trefiano”.
 Nacque così la Tenuta di Capezzana, suddivisa in 3 fattorie e più di 120 poderi, dedita alla produzione di vino e olio di grande qualità.

Nel 1945 ad Augusto Alessandro si affiancò il figlio Ugo, reduce dalla guerra e laureato in agraria che prese gradualmente la direzione della Tenuta trasformandola da conduzione mezzadrile ad azienda moderna.

Oggi l’azienda, dopo la scomparsa nel 2012 di Ugo Contini Bonacossi, è condotta dai figli Benedetta, Beatrice, Vittorio e Filippo, coadiuvati dai nipoti Serena, Leone, Gaddo e Ugo, ed è in regime di conversione biologica e da molti anni ha rinunciato all’uso di diserbanti e concimi chimici sostituendoli con lavorazioni meccaniche e semine di piante leguminose da sovescio, e conta su 104 ettari coltivati a vigneto, e 140 a oliveto.

Su Top Italian Wine puoi trovare il Vin Santo di Carmignano Riserva 2006

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>