Etichette

Riserva Pas Dosé QDE 2006 Franciacorta il Mosnel

Il Riserva Pas Dosé QDE 2006 Franciacorta il Mosnel è un grande Franciacorta, capace di essere “ancora fantastico, integro, vivacissimo a tre anni dalla sboccatura!”. A dirlo Franco Ziliani, di cui riportiamo di seguito con il suo consenso,uno stralcio dell’articolo pubblicato su ‘Le mille bolle blogIl Mosnel-Franciacorta Pas Dosé Riserva QDE-2006 D

Per chi non si accontenta di sentirne parlare, ma vuole provare in bocca il gusto di questo vino, può acquistarlo su Top Italian Wine, dove sono in vendita le ultime bottiglie. In tutto ne sono state prodotte 4.000 bottiglie da 0,75 litri, 400 magnum e 100 jeroboam.

Su questo blog, invece, potete trovare la ricetta dei conchiglioni ripieni alle erbe per fare il giusto abbinamento e un approfondimento sul produttore.

Continua a leggere

Abbinamento passito Moscato Les Abeilles 2009 Les Cretes e torretta di struffoli

Un dolce natalizio abbinamento passito Struffolidella tradizione napoletana e un passito della Valle d’Aosta insieme per deliziare il palato: è l’abbinamento passito Moscato Les Abeilles 2009 – Les Cretes con gli struffoli, proposto per il menu di Natale da Cocca Scarpato Personal Chef.

Il dolce è facile da fare, il vino potete acquistarlo su Top Italian Wine. Continua a leggere

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve… con lo Schiacchetrà Possa

Con le caldarroste per recuperarne la tradizione sciacchetrà-abbinamento-libroconviviale, con delle caramelle di pasta ripiene al gorgonzola e pere per chi è in cerca di un abbinamento raffinato e da gourmet, in “solitaria” come dice il suo produttore evocando con una sola parola l’ascesa alpinistica (anche se non siamo sulle Alpi ma sulle scogliere delle Cinque Terre a strapiombo sul mare di Liguria) e la perfetta completezza dello Sciacchetrà 2010 Possa. Ma per continuare a giocare con gli abbinamenti, Samuele Heydi Bonanini, proprietario dell’azienda Possa, propone di degustare il suo vino leggendo un libro.

Quale libro? Continua a leggere

Brindare spesso, senza prendersi troppo sul serio! Ecco servito l’abbinamento Franciacorta Satèn Sansevé Monte Rossa e mortadella

Abbinamento Franciacorta Sansavé Satèn Monte RossaNon serve aspettare un momento speciale, la vita è bella e di motivi per brindare ce ne sono tanti. Una filosofia di vita impostata sulla positività quella di Emanuele Rabotti, che si ritrova nel suo lavoro e nei suoi Franciacorta Monte Rossa. Continua a leggere

Vin Santo Occhio di Pernice 2004 Badia a Coltibuono, 95 punti di bontà da degustare leggendo “Le città invisibili” di Calvino

Il Vin Santo Occhio di Pernice Badia a Coltibuono libro badia a coltibuonoè particolare, mentre lo degusti senti la complessità dei tanti strati che si sovrappongono. Proprio come “Le città invisibili” di Italo Calvino

2014-09-08 Badia a Coltibuono-Occhio di pernice-2004Difficile definire questo vino – dice Roberto Stucchi Prinetti, proprietario con i fratelli della storica azienda Badia a Coltibuono, nel Chianti – e mentre leggevo Calvino mi chiedevo come lui avrebbe potuto descrivere un vino, magari inventato come le sue città”. Continua a leggere

Chambave Moscato Passito Prieuré 2011 primo davanti a tutti

Ha vinto portando la Valle d’Aosta e un vino passito davanti a tutti: è il Chambave Moscato Passito Prieuré 2011 della cooperativa La Crotta di Vegneron, che ha conquistato la medaglia d’oro quale miglior vino in assoluto alla Selezione del Sindaco 2014, in vendita su Top Italian Wine.Moscato-passito-Chambave-Prieuré-2011

“È un vino passito, ma io personalmente non lo abbino a un dessert – dice Andrea Costa, tecnico di cantina e anche responsabile della parte commerciale della piccola cooperativa -. Il Chambave Moscato Passito Prieuré è sì dolce, ma essendo prodotto in montagna da uve raccolte a settembre come per il moscato secco ha un gusto minerale, acido e con una freschezza entusiasmante”. Continua a leggere

“Perduto” ma garantito 10 anni. È il Franciacorta Brut CruPerdu Castello Bonomi

Il Franciacorta Brut CruPerdu Castello Bonomi è un brut ottenuto da uve prodotte da un vigneto “perduto”, da qui il nome Perdu in dialetto bresciano.Franciacorta Brut CruPerdu Castello Bonomi

La sua storia è affascinante, e racconta della forza della natura e della passione degli uomini per il proprio lavoro. Continua a leggere

Picolit Ronchi di Cialla: a New York con il foie gras a San Francisco no

Il Picolit Ronchi di Cialla piace Picolit Ronchi di Ciallanella Grande Mela, dove nei ristoranti viene servito per accompagnare il foie gras e i formaggi piccanti o da solo dopo cena, e lo puoi trovare a San Francisco, ma qui niente foie gras perché lo Stato della California ne ha vietato il consumo.

Continua a leggere

Capezzana Vin Santo di Carmignano Riserva, buono per sbaglio

“Il Vin Santo di Carmignano Riserva Capezzana lo facciamo per passione, fa parte della nostra tradizione e lo produciamo come 100 anni fa”. A dirlo Serena Contini Buonacossi, discendente della nobile famiglia toscana che negli anni ’20 del 1900 ha rilevato la Tenuta Capezzana, dove si produce vino da 1200 anni. capezzana vin santo di carmignano

“Produrre questo vin santo ci dà tante soddisfazioni, anche in termini di riconoscimenti e premi. Non si fa per il guadagno perché al consumatore costa poco, Continua a leggere