Abbinamenti e ricette, Ricette secondi piatti

Franciacorta Pas Dosé Aligi Sassu e baccalà alla vicentina: un abbinamento che lega tradizione, gusto moderno e un pizzico d’arte

I bocconcini di baccalàBaccalà alla vicentina alla vicentina sono un piatto mediamente facile da realizzare, ma vale la pena di prepararlo per un pranzo tra amici, come portata unica da accompagnare con una bottiglia di Franciacorta Pas Dosé Aligi Sassu Majolini, annata 2006. Una ricetta antica e un vino moderno, un abbinamento vino pesce che dà continuità alla tradizione eno-gastronomica italiana e che vuole essere anche un omaggio al grande artista contemporaneo Aligi Sassu e ai suoi famosi cavalli.

Ingredienti per 6 persone

Baccalà già ammollato 1 kg

Acciughe sotto sale 6 filetti

Parmigiano-Reggiano grattugiato 50 g

Farina 4 cucchiai

Cipolla tritata 1

Prezzemolo tritato1 cucchiaio abbondante

Aglio 2 spicchi

Latte ½ l

Burro 40 g

Vino bianco secco 1 bicchiere

Olio extravergine d’oliva

Sale e pepe

pas dosé majoliniDopo aver risciacquato il baccalà, privatelo delle spine con l’apposita pinza e tagliatelo a pezzi regolari formando dei bocconcini di media grandezza. Infarinateli e poneteli in un tegame, possibilmente di coccio, già unto con un filo d’olio leggermente riscaldato. Salate, ma non troppo, pepate e spolverizzate con il Parmigiano-Reggiano.

In un’altra casseruola mettete l’olio con la cipolla tritata, gli spicchi d’aglio interi, metà del vino bianco e a fiamma dolce lasciate sobbollire fino a quando il vino sarà evaporato. Aggiungete i filetti di acciuga dissalati e tagliati a pezzetti, l’altra metà del vino e a fiamma dolcissima fate sciogliere le acciughine. Fatto ciò, unite il latte caldo, il burro e il prezzemolo tritato: ora togliete l’aglio, versate la salsa ottenuta sui bocconcini di baccalà, quasi a coprirli, e iniziate la cottura.

Da questo momento, abbassate la fiamma facendo attenzione a non mescolare mai il pesce con il mestolo ma solo ruotando il tegame di tanto in tanto per conservare sia l’ integrità dei pezzi che l’uniformità della loro cottura.

Ora dovete avere pazienza per almeno 3 ore e controllate che la cottura sia dolcissima.

Decorate con del prezzemolo tritato, accompagnate con della polenta chips o arrostita.

Ben conservati, i bocconcini sono ottimi anche il giorno successivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>